unnamed-1

L’infinito

Anno:

2018

Autore:

Roberto Vecchioni

Casa discografica:

DM Produzioni

Scaletta:

1Una notte, un viaggiatore
2Formidabili quegli anni
3Ti insegnerò a volare (Alex) con Francesco Guccini
4Giulio
5L’infinito
6Vai, ragazzo
7Ogni canzone d’amore
8Com’è lunga la notte
9Ma tu
10Cappuccio rosso
11Canzone del perdono
12Parola

Il disco:

A distanza di cinque anni dall’ultimo lavoro discografico il professore torna con un nuovo album “L’Infinito”.
Il lavoro racchiude 12 brani inediti, con musica e parole del Cantautore, disponibile in formato CD, in edizione Deluxe arricchita dal saggio “Le parole del canto. Riflessioni senza troppe pretese” e in Vinile Limited Edition.
L’album contiene l’eccezionale ritorno sulla scena musicale di Francesco Guccini che, per la prima volta, duetta con Roberto Vecchioni nel singolo “Ti Insegnerò a volare”, ispirato al grande Alex Zanardi.
Un album manifesto, un’unica canzone divisa in 12 momenti in una dimensione temporale verticale che rinvia al tema dalle suggestioni letterarie.

Prenota la tua versione autografata. CLICA QUI

2 Responses to L’infinito

  1. Ma tu ma tu ma tu…..come fai a superarti sempre più???!!!!Strepitoso questo album….continuo a sentirlo e la tua voce mi “perseguita” anche nel sonno. Che dire di te? Ti auguro di proseguire per tanti anni ancora perché io senza di te sarei persa. Solo ascoltandoti riesco a provare emozioni che penso non mi appartengano più, mi isolo con la tua voce e ritrovo me stessa, non quella persona cinica, impaziente e insofferente che mette la sua maschera ogni mattina. Sei un omino gigantesco con uno sguardo furbetto da eterno ragazzo….come si vede che ami i ragazzi. Mia figlia studia in UNIPV, il solo fatto che tu abbia insegnato lì mi rende fiera della scelta universitaria. Ti voglio tanto bene e ti auguro il meglio, tutto quello che tu hai dato a me. Daniela

  2. Emozioni, brividi, commozione. Come fai, professore, ad essere sempre più grande. Sei un poeta che accompagna la mia vita da sempre con la tua passione, cultura ed ironia. In “Formidabili quegli anni” ho ritrovato il profumo della mia giovinezza, “Giulio”… un ode che non si riesce ad ascoltare senza commuoversi sino alle lacrime… “L’Infinito” … puoi immaginare cosa significhi per una napoletana… Grazie! E scusa il tu ma a parte che siamo quasi coetanei… sei così presente nella mia vita che ti sento amico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *