vecchioni-roberto_ok

Programma del corso universitario: Forme di poesia per musica

Anno accademico Università di Pavia:

2010 – 2011

Autore:

Roberto Vecchioni

Facoltà:

Scienze della comunicazione

Corso:

Forme di poesia per musica

“Dio nella canzone d’autore”:

La canzone d’autore italiana è una delle strade più accessibili all’interpretazione del “contemporaneo” ovvero degli squilibri, delle incertezze, della relatività che l’ultimo novecento ci ha gettato addosso (bel instradato dal primo), e ciò grazie alla sua immediatezza poetica (in alcuni casi) plastica,realistica pragmatica (in altri) e persino prevedibile, scontata,ma sentita dai più in altri ancora.

 

La canzone d’autore ci ha insegnato il “medium” tra l’alta ricerca di scambio con la poesia e la discesa agli inferi del parlar popolare escludendo, bandendo la retorica: ha acquistato in quaranta/cinquant’anni la dignità di un arte a sè che non è letteratura e non è musica ma è comunque testimonianza dei crucci, dei dubbi, delle paure, delle tenerezze e tristezze di un inquieto novecento
In cui ha ricondotto allo stesso livello sentimentale, esistenziale le differenze, le alternanze fra ceti e culture: l’uomo nel suo essere spicciolo e quotidiano ne è il protagonista, che sia un operaio dell’alfa o un professore della normale di Pisa.

 

Per parlare ad un uomo così che non è neanche vero, che in verità non esiste, ma che esiste più di tutti, è scesa dalla cattedra aulica della poesia ed è risalita dalla rivendicazione populista dei canti regionali e politici, è dovuta trasmigrare dalla musica leggera e si è obbligata a togliersi il complesso rispetto a quella classica.

 

La canzone d’autore è un fenomeno così vasto e variegato oggi che sembra impossibile rapportarla ad una sola origine. Infinite sono le forme, le esecuzioni, le palpitazioni, molteplici le differenze nel trattare un tema o l’altro; impalpabile a volte la differenza con altri generi, si pensi solo agli anni luce di distanza che esistono tra le tematiche, lo stile, i motivi di Guccini e quelli di Cocciante o, esempi internazionali, all’abisso che divide Sting da Dylan.

 

Una ricerca di definizione è stata già tentata nella voce “Canzone d’autore” della Treccani.
Adesso qui riassumiamo e tentiamo di chiarire cosa differenzia la canzone “tout-court”, la “canzonetta” insomma, quella che ha segnato il novecento e l’ultimo novecento italiano dalla cosiddetta canzone d’autore..

 

[scarica il file e leggi tutto il programma]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>